Il cielo d’Inghilterra – capitolo IX (estratto)

cap10

 

 «Sei pronta?» chiede Andrea rivolto a Susan, facendole notare le lancette dell’orologio.

«Sì» gli risponde lei allacciandosi al suo braccio e guardando Cristina che è di fronte a loro «Io e tuo fratello abbiamo scoperto molte affinità» le spiega con un sorriso divertito.

«Lo immaginavo» mormora Cristina inarcando le sopracciglia e facendo apparire sul suo viso delle fossette divertite.

«Da quando ci siamo rivisti» tenta una spiegazione Andrea, alquanto imbarazzato «abbiamo trascorso dei momenti splendidi» termina rivolgendo a Susan uno sguardo eloquente che non sfugge all’occhio attento di Cristina.

«Ne sono certa» approva Cristina caricando il colpo in canna «e ne ho avuto conferma questa mattina quando ti ho vista in corridoio, Susan» conclude allargandosi in un sorriso malizioso.

«Mi hai vista… questa mattina…» balbetta imbarazzata l’amica, cercando lo sguardo di Andrea

«Sì. Questa mattina» ripete sicura, annuendo con la testa e continuando a mantenere stampato sul viso quel sorrisetto beffardo, gustandosi le espressioni sbigottite dei due.

«Stamattina?» le fa eco Andrea, arrossendo lievemente sugli zigomi.

«Sì. Stavi per andare via, ma poi ci hai ripensato» specifica Cristina divertita.

Dopo un momento di imbarazzato silenzio Susan scoppia in una risata argentina, trascinando Andrea e anche Cristina.

«Non credo che dobbiamo dirci altro, non è vero?» le mormora l’amica in tono confidenziale.

«No, infatti.»   […continua]

[“Il cielo d’Inghilterra”, capitolo IX – Loriana Lucciarini – edizioni Arpeggio Libero]


Il commento dei lettori

Il romanzo è incentrato sulla vita amorosa di Cristina, complicata e mai noiosa. Cristina mi è stata simpatica sin dall’inizio: è giovanissima ma ha già le idee precise e la determinazione per portarle avanti. Il suo asso nella manica è la gentilezza. Al giorno d’oggi si lascia che l’arroganza prevalga, ma Loriana Lucciarini ci mostra come gentilezza ed umiltà, rappresentate nel romanzo da Cristina. sfocino sempre nel bene nonostante i momenti brutti. (…) Cristina, Marlon e Steve sono esattamente come noi, ognuno con le proprie caratteristiche e con la propria storia. E’ un romanzo breve e simpatico, che ci fa rallegrare per Cristina, ci rende simpatici i suoi amici e antipatici i nemici, o quelli che crediamo tali. La Lucciarini è una poetessa e anche la prosa risente del suo stile: leggero, delicato e coinvolgente. L’ho letto in un giorno e lo consiglio a tutti coloro che vogliono trascorrere qualche ora lieta e in buona compagnia. [Ginevra Wilde]

Annunci

Un pensiero su “Il cielo d’Inghilterra – capitolo IX (estratto)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...